IL QUADERNO DEI NOMI PERDUTI di Sofia Lundberg: Blogtour, il mio quaderno dei nomi

giovedì 3 maggio 2018

Il quaderno dei nomi perduti calendario blogtour
Buongiorno e bentrovati sul blog! Oggi si parla di un libro d’esordio davvero emozionante con una nuova tappa del blogtour a lui dedicato: Il quaderno dei nomi perduti di Sofia Lundberg, edito DeA Planeta.

Il romanzo della Lundberg parla di vita, di esperienze e ricordi e lo fa attraverso un’agendina dalla copertina rossa in cui la protagonista negli anni ha annotato i nomi di tutti coloro con cui ha incrociato la propria vita. Un quaderno che si è riempito di nomi importanti, di persone che ormai non sono più presenti nella sua esistenza e che, riaprendolo e scorrendone le pagine le porta alla mente i ricordi, i sentimenti e le esperienze fatte in passato.

Per questa tappa ho dovuto scavare tra i miei ricordi, riflettere sulle esperienze vissute e concentrarmi su chi tra tutte le persone che sono entrate nella mia vita hanno avuto importanza per me. Proprio come accade per Doris, l’anziana protagonista del romanzo, la lista che ho preparato oggi è composta da persone che per qualche motivo non fanno più parte della mia vita ora, ma che hanno avuto un impatto su di me, positivo o negativo non importa, lo hanno avuto influendo sul mio percorso. 

Ovviamente non trattandosi di un romanzo ma di vita reale per questioni di privacy ho preferito inserire nel mio quaderno “pubblico” dei nomi solo le iniziali delle persone interessate. È stata un’esperienza davvero strana e allo stesso tempo emozionante ricordare il passato attraverso questi nomi e ho capito che Doris ha avuto ragione, un quaderno di questo tipo può diventare qualcosa di prezioso, un oggetto quasi animato di sentimenti, passioni ed esperienze, credo proprio che continuerò a scrivere sul mio quaderno dei nomi.

PS. Potete iniziare ad annotare anche voi le persone che entrano a far parte della vostra vita, alla fine del post troverete una sorpresa per poter creare il vostro quaderno dei nomi!

“Ti auguro abbastanza”, mi sussurrò all’orecchio. “Abbastanza sole da illuminare i tuoi giorni, e pioggia abbastanza da insegnarti ad apprezzare la luce. Abbastanza gioia da nutrire la tua anima e abbastanza dolore da farti godere di ogni frammento di felicità. E poi ti auguro abbastanza incontri da poterti permettere anche gli addii…”

IL QUADERNO DEI NOMI PERDUTI
Sofia Lundberg

Il quaderno dei nomi perduti
Editore: DeA Planeta
Genere: Narrativa contemporanea
Pagine: 352
Prezzo: €. 9,99 ebook | €. 14,45 cartaceo
Link acquisto: DeA Planeta

Un piccolo quaderno rilegato in pelle rossa, nel quale annotare i nomi di tutte le persone che più contano per lei. Per Doris non esiste oggetto più prezioso. Suo padre glielo regalò quando era bambina e da allora non passa giorno senza che si ritrovi a sfogliarlo, per aggiungere una voce, un indirizzo; per visitare la mappa dei ricordi o per tracciare, con la grafia resa incerta dagli anni e dalla stanchezza, una X accanto a coloro che non ci sono più. Parenti, amici, amanti: ognuno occupa un posto cruciale nel romanzo della sua vita, ognuno ha una storia, e tocca a Doris, adesso, raccoglierle tutte. Perché un domani, tra le pagine del quaderno rosso, l’amata nipote Jenny possa ritrovare tutto il senso di un’esistenza senza sconti e senza rimpianti, tumultuosamente vissuta tra Stoccolma, Parigi e New York.


IL MIO QUADERNO DEI NOMI PERDUTI

B.L. - AMICA D'INFANZIA

Tutti ne abbiamo una, è quella bambina che sentiamo immediatamente vicina e che spesso, come in questo caso incontriamo a scuola, alle elementari. È quella con cui iniziamo a rapportarci agli altri, a fare le prime confidenze, tra giochi e risate. Ricordo tutti i momenti, i pomeriggi chiuse in camera a raccontarci le cotte, le simpatie e le antipatie dei primi anni delle nostre vite. Purtroppo crescendo è facile perdersi, e così è stato, ma i ricordi a lei legati sono sempre piacevoli.

N.M - LA MAESTRA DELLE ELEMENTARI

Fortunatamente faccio parte di quell'epoca in cui le scuole elementari erano ancora un luogo in cui si "imparava" realmente, in cui i maestri cercavano di spronarti a dare il meglio e trovare le tue passioni. Io ho avuto modo di incontrare una di queste maestre ed è grazie a lei se non ho vissuto i primi anni di scuola meglio di quanto avrei potuto fare se non fossi stata in qualche modo "affiancata"; la mia timidezza spesso mi faceva stare in disparte, ma lei era sempre pronta a stimolarmi e farmi capire che potevo farcela, che ero abbastanza intelligente da valere. Ricordo i temi, le interrogazioni, i disegni...non finirò mai di ringraziarla. (ps: il nome è cancellato, c'è un motivo preciso e lo scoprirete leggendo il romanzo).

F.E. - LA PRIMA COTTA

L'abbiamo avuta tutti, la prima cotta, quella persona che ci riempie la mente e ci fa agitare appena la vediamo. Io l'ho avuta, proprio di fronte a casa e ricordo bene le giornate passate alla finestra solo per avere occasione di vederlo qualche istante affacciarsi, o il desiderio di incontrarlo durante i tragitti per tornare a casa da scuola per poi ritrovarmi talmente agitata da desiderare solo fuggire. Lo so, ero (e sono rimasta) un disastro, ma sono state le prime emozioni forti, impossibili da dimenticare.

F.M. - L'EX AMICA

Ebbene sì, spero che voi non dobbiate inserire una figura del genere nel vostro quaderno dei nomi ma purtroppo a me è capitata: l'ex amica. Ex per un motivo preciso, ricordarlo oggi non mi fa più troppo effetto, ma allora mi aveva davvero sconvolta e comunque meno ne parlo meglio è. I miei ricordi positivi al riguardo, le chiacchierate, le uscite e le confidenze sono purtroppo tutti stati oscurati dalle bugie e dal "tradimento" che, una volta svelate mi hanno fatto star male e probabilmente hanno aumentato di qualche tacca il mio grado di insicurezza.


La mia lista non è lunga come avrete potuto notare, non ho avuto una vita così lunga e intensa come quella di Doris, e molti di coloro che sono entrati nel mio mondo ci sono ancora e non li ho volutamente inseriti. 

LA PAGINA DA SCARICARE
Ora tocca a voi annotare i nomi importanti delle persone che sono entrate nelle vostre vite! Se volete potete usare la pagina di quaderno che Rosalba del blog La Rapunzel dei libri e non solo ha realizzato per tutti noi stampandola in più copie e rilegandola come più preferite. Per scaricarla basta cliccare sulla foto qui sotto e inviare la stampa cliccando sull’opzione della stampante “adatta alla pagina”.

Pagina di Il mio quaderno dei nomi perduti

CALENDARIO BLOGTOUR
Il quaderno dei nomi perduti blogtour


Continuate a seguirci per altre sorprese e per scoprire questo bellissimo romanzo!


Alla prossima,
 




Sofia Lundberg, classe 1974, è una giornalista e redattrice svedese e vive a Stoccolma insieme a suo figlio. Il quaderno dei nomi perduti è il suo romanzo d’esordio.



3 commenti:

  1. Che meraviglia questo post Deb. Mi è piaciuto molto come l'hai impostato bravissima e penso che le persone che tu hai annotato siano un pò quelle di tutte noi

    RispondiElimina
  2. Io ADORO questa tappa Deb *___* Grandissima <3

    RispondiElimina
  3. bellissimissima questa tappa, mia hai ricordato tante cose della mia adolescenza!! voglio leggere questo libro! ;)

    RispondiElimina

Lasciami un commento, risponderò con piacere. Spunta la casella Inviami notifiche per essere avvisato via email dei nuovi commenti inseriti.

Info sulla Privacy