WonderMania - L’esperienza WONDER di R.J. Palacio

lunedì 13 novembre 2017


Wonder Mania

Buongiorno e buon lunedì a tutti i lettori. Non sapete quanto sono felice di potervi parlare di un romanzo che tutti, ma proprio tutti noi dovremmo leggere; sto parlando di Wonder, scritto da R.J. Palacio, edito Giunti. In occasione dell’uscita l’8 novembre della raccolta Wonder. Tutte le storie io e altri blogger vi parleremo delle nostre esperienze con Wonder e i suoi amici (sì, perché Wonder è un’esperienza e non solo una storia).
Non si ha bisogno degli occhi per amare, giusto?  Lo senti semplicemente dentro di te.

WONDER. TUTTE LE STORIE
R.J. Palacio


Wonder Cover
Editore: Giunti | Collana: Junior
Genere: Narrativa per ragazzi
Pagine: 432
Prezzo: € 25,42 cartaceo
Link acquisto: Giunti Editore


Da quanti punti di vista può essere letta una storia? C'è il punto di vista di Auggie naturalmente, ma anche quello di Julian, il più controverso dei personaggi di Wonder, quello di Christopher, il migliore amico di Auggie, o ancora il punto di vista di Charlotte, la compagna di classe che ha il compito di accogliere il nuovo arrivato. Ognuno ha una propria visione della storia, ma anche una nuova storia da raccontare, che si intreccia inevitabilmente con quella di Auggie.

LA MIA ESPERIENZA

La mia esperienza con Wonder è stata possibile grazie a un regalo di compleanno del mio amico blogger Luigi di Everpop. È proprio grazie a lui e alla sua passione per questo romanzo e l'autrice che ho iniziato a incuriosirmi verso la storia di Auggie. Da quanto mi ricordi ho sempre avuto la propensione a cercare di trattare gli altri nel modo migliore, aiutare quando possibile, cercare di trattare in modo educato tutti, però ammetto anche che molto spesso mi sono ritrovata a pensare a quanto questo mio comportamento fosse visto positivamente dagli altri, a quante siano state le volte in cui alla mia gentilezza siano scaturite solo indifferenza, se non mancanza di rispetto e desiderio di prevalere e a quante volte questo mi abbia fatto soffrire. La storia di Auggie, ma non solo la sua, anche quella dei suoi compagni che vivono un momento della vita in cui la fragilità e la paura di non essere accettati li portano a volte a compiere azioni sbagliate è stata capace di infondermi nuovamente il coraggio di essere me stessa, di lasciare emergere questo mio lato, forse a volte rischiando qualche delusione, ma con la certezza finale che tutto torna, che essere attenti agli altri può fare la differenza, perché una sola parola o un gesto che viene fatto o non viene fatto può rimanere impresso indelebilmente in una persona e cambiargli la vita.

Stavo cercando un angolino in cui sparire. Volevo un buco in cui poter cadere: un piccolo buco nero che mi inghiottisse.

Ho amato immensamente Auggie, un ragazzino a cui la vita ha tolto molto, ma che è riuscito a trovare una chiave per farsi accettare, lui è la dimostrazione che la bellezza, quella vera è nel cuore delle persone, che non servono gli occhi per volere bene a qualcuno. Con semplice realismo Auggie sa che il suo aspetto richiama l'attenzione degli altri e non certo positivamente, che spesso le persone gli stanno alla larga e cercano di ignorarlo per paura, ignoranza o difficoltà a rapportarsi con lui, ma questo non lo ferma nell'affrontare con coraggio la vita, perché in fondo è un ragazzino come tutti gli altri. 

«È solo che mi sembra così strano» ho detto «non avere intorno qualcuno con cui parlare, ma solamente persone che fanno finta che tu non esista».Auggie ha cominciato a sorridere «Davvero?» ha detto in tono sarcastico «Benvenuto nel mio mondo»

La Palacio parla di bullismo, ma anche e soprattutto di amore e affetto sinceri, incondizionati. Quello che ho apprezzato realmente è proprio l'onestà con cui affronta i temi delicati del romanzo, ho pensato ecco, un'autrice che non si nasconde dietro a stereotipi ma riesce a mostrare realmente i sentimenti dei suoi protagonisti senza lasciare nulla al caso, ogni sfaccettatura, ogni esperienza vissuta da Auggie, Jack e Via, perché l'amicizia e l'affetto sono più forti di tutto, ma a volte la realtà fa capolino e la sofferenza, il disagio e le paure emergono per qualche attimo, basta non farsi trascinare da questi sentimenti e continuare a portare avanti i sentimenti più buoni, a essere ciò che siamo. Mi sono rispecchiata in qualcosa di ognuno dei personaggi e in qualche situazione, ho rivissuto alcune sensazioni a cui non pensavo da tempo, ma che a volte è bene ricordare per poter ricalibrare il proprio comportamento verso gli altri. 

Ho pianto, a un certo punto mi sono realmente commossa, ma alla fine mi sono ritrovare con il cuore molto più leggero, è uno di quei romanzi che ti entra nel cuore e nella mente per non uscirne mai più.

Auggie e i suoi amici sono esempi a cui attingere, una lettura per ragazzi che adoreranno anche gli adulti, perché la vita cambia con il passare del tempo, ma il desiderio di sentirsi accettati è sempre presente in ognuno di noi, si modifica solo il modo in cui reagiamo. Wonder insegna che essere gentili e trattare gli altri con rispetto e accoglienza è l'unico modo per cambiare il mondo e, in definitiva, noi stessi.

Una delle più belle letture mai fatte che consiglio a tutti, indistintamente, grandi e piccoli, buoni e "meno buoni"; leggete, incamerate e se riuscite mettete in pratica, sarete (e saremo) tutti più felici.

WONDER MANIA BLOGTOUR







Come vi accennavo questa è solo una delle esperienze di lettura che avete modo di leggere in questi giorni, qui potete trovare i link dei blog partecipanti:



Se non volete perdervi nulla del mondo di Wonder potete seguire il sito Wonder Libro.

#Ioscelgolagentilezza, e voi?













rjpalacio
Nata nel 1964, R.J. Palacio ha lavorato per vent’anni in editoria come grafica e art director. Palacio è il suo pseudonimo, ispirato al nome della madre di origini colombiane. Il libro è il suo primo lavoro letterario.


Vive a New York con il marito, due figli e due cani.

2 commenti: