Recensione PAPER PRINCESS di Erin Watt

lunedì 17 luglio 2017

Paper Princess recensione
Buon lunedì, è arrivato il momento di parlarvi della mia lettura di Paper Princes, scritto da Erin Watt, edizioni Sperling & Kupfer. È impossibile che non conoscere questo romanzo, ne hanno parlato tutti, chi bene chi male, ma certamente è uno di quei titoli che ha incuriosito moltissime lettrici. Qualsiasi cosa si pensi la storia dei Royal è capace di catturare il lettore, intrigandolo con dei bad boys  molto bad e sexy, con una protagonista che è tutto fuorché una principessina che ha bisogno di essere salvata, e una storia d’amore che farà soffrire parecchio.

Pronti a entrare nel luccicante mondo di The Royals?

Paper princess coverTitolo: Paper Princess
Serie: The Royals #1
Autore: Erin Watt
Genere: New Adult
Editore: Sperling & Kupfer
Pagine:340

Sinossi

A diciassette anni, Ella Harper ha già imparato a sbrigarsela da sola. Sempre in fuga, dalle difficoltà economiche e dagli uomini sbagliati di sua madre, si è districata tra mille lavori per riuscire a far quadrare i conti, studiare e costruirsi un futuro migliore. Finché, un giorno, nella sua vita compare un certo Callum Royal. Distinto ma deciso, nel suo costoso abito di sartoria, dice di essere il migliore amico del padre, che lei non ha mai conosciuto, nonché il suo tutore legale. In quanto tale, sarà lui d'ora in poi a sostenere le spese per il suo mantenimento e la sua istruzione, a patto che Ella accetti di vivere con lui e i suoi cinque figli. Ella sa che il sogno che Callum Royal sta cercando di venderle è sottile come carta. Ed è diffidente e furiosa. Ma ancora di più lo sono i fratelli Royal. Easton, Gideon, Sawyer, Sebastian e... Reed. Magnetici e pericolosi, non mancano di farla sentire un'intrusa: lei non appartiene, e non apparterrà mai, alla loro famiglia. E a nulla valgono i tentativi pacificatori di Callum. Ella però non è certo il tipo che si lascia intimorire, e le scintille a casa Royal non tardano ad arrivare. Soprattutto dopo un bacio rubato, che innescherà un'inarrestabile spirale di rabbia, gelosia e desiderio. Per non scottarsi, Ella dovrà imparare presto le regole del gioco...



RECENSIONE
Dall’odio può nascere l’amore? È quello che sembra accadere, soprattutto perché è difficile resistere quando si viene catapultati in una casa con cinque fantastici esemplari maschili, belli e ribelli.
Questa casa è un’illusione. È tirata a lucido, stupenda, ma il sogno che Callum sta tentando di vendermi è sottile come carta: niente a questo mondo splende per sempre.
Ella è decisamente una protagonista fuori dagli schemi, cresciuta con una madre single che per rimanere a galla e mantenere lei e la figlia ha fatto anche la ballerina di night, quando viene a mancare si rimbocca le maniche, anche se vuol dire cercare di sopravvivere nei bassifondi, diventando una persona diversa e soprattutto giungere a dei compromessi. Ella però ha anche dei principi e dei sogni: vuole assolutamente riuscire a vivere una vita normale, studiando per poi riuscire a ottenere un lavoro e mantenersi. Non ha mai conosciuto il padre, non sa nemmeno chi sia, almeno sino a quando nella sua vita irrompe Callum Royal, ricco, potente e con l’unico obiettivo di farle avere la vita che le spetta.

Dai bassifondi alla villa sontuosa e luccicante dei Royal tutto è diverso, ma quello che colpisce è che Ella non vuole una vita lussuosa, ciò che vuole è solo poter studiare e avere abbastanza denaro per farlo, per questo accetta di andare con Royal, ma non ha fatto i conti con i suoi cinque figli.

I fratelli Royal sono sfacciatamente belli, di una bellezza da ragazzacci, imponenti, con occhi di ghiaccio e soprattutto non la voglio in casa loro, sono pronti a tutto per farla scappare.

Devo ammettere che probabilmente in alcuni momenti le autrici hanno esasperato le situazioni, mettendo la protagonista davanti a situazioni particolarmente dure, ma Ella è in gamba, non si fa mettere i piedi in testa e piano piano si fa conoscere riuscendo a farsi spazio in quella famiglia che, anche se all’apparenza sembra vivere una vita dorata, in realtà ha dei problemi relazionali enormi. Una protagonista che a volte mi ha fatto arrabbiare perché nonostante il suo avere carattere non riesce a resistere più di poche pagine al fascino dei Royal; allo stesso tempo però l'ho ammirata per la sua tenacia e il suo essere tosta, anche se alcune scelte non le avrei fatte. Ella ha i piedi per terra e gli occhi bene aperti sulla realtà, per questo è difficile che si lasci andare alle illusioni e in questo modo si protegge e riesce a sopravvivere, però ha anche molte fragilità, la mancanza della madre e quel padre che non l'ha mai cercata hanno lasciato comunque dei segni indelebili.

Reed, il più ostile e pericoloso dei fratelli e anche il più difficile da conquistare, ma quello da cui Ella sembra più attratta; Easton, apparentemente superficiale, donnaiolo, scostumato, ma che si rivela anche quello che soffre maggiormente e ha bisogno di affetto e aiuto; e poi ci sono i gemelli Sawyer e Sebastian, i più piccoli della famiglia, all’apparenza tranquilli ma che in realtà non si fanno scrupoli di giocare con la loro somiglianza. Infine Gideon, che purtroppo non appare abbastanza perché studia al college e raggiunge la casa di famiglia solo nei fine settimana; ammetto che lui, assieme a Easton sono quelli che mi hanno maggiormente colpita, è un peccato che le autrici non l’abbiano inserito maggiormente nella storia, perché è chiaro che tra lui e Reed ci sia un rapporto molto stretto, segreti in comune che non sono ancora stati svelati.

La storia è scritta a quattro mani, Erin Watt è uno pseudonimo che nasconde la collaborazione tra due autrici, ma se non si è a conoscenza di questo particolare è impossibile accorgersene, la narrazione ha uno stile uniforme, il ritmo incalzante e le emozioni vengono pienamente trasmesse. La storia è quella di Ella e le autrici riescono a descriverne ogni caratteristica, dal suo essere forte e provocatrice, alla sua fragilità ed emotività. Anche la scelta di cinque fratelli (più un padre) affascinanti e tormentati, incapaci di affrontare il loro dolore fa centro e scatena l’anima da crocerossine delle lettrici.

Il romanzo è riuscito a catturarmi, a trattenermi nella storia anche se l'epilogo mi ha fatto soffrire...l'epilogo, ne vogliamo parlare? Sinceramente è qualcosa di totalmente inaspettato e che lascia senza fiato; il finale è difficile da accettare, lascia un sospeso enorme, un fulmine a ciel sereno ,non si comprende perché sia avvenuto ciò che scopre la protagonista, se è reale o solo una messa in scena per qualche motivo ancora sconosciuto, certo è che una volta terminato non potrete fare a meno di volere il seguito, quindi prima di iniziare il romanzo procuratevi anche Paper Prince, non potrete aspettare!




Alla prossima, Deborah



Autrice
Erin Watt è lo pseudonimo di due autrici bestseller americane, unite dalla grande passione per i libri e per la scrittura. Entrambe sono scrittrici di grande successo nel settore YA e New Adult. La trilogia The Royals è il loro primo progetto insieme. www.authorerinwatt.com Facebook (logo) @authorerinwatt Instagram (logo) @author.erinwatt Twitter (logo) @authorerinwatt


3 commenti:

  1. Buondì fanciulla! Indubbiamente riconosco che la prosa sia molto scorrevole e incalzante, e invogli a continuare a leggere, ma speravo che potesse anche creare una sorta di dialogo con il lettore su tempi importanti. Non nascondo che per la recensione ho dovuto raccogliere le idee per qualche tempo, perchè non sapevo come spiegare Paper Princess! XD


    Ho da poco traslocato, se ti va di venirmi a trovare!
    La mia recensione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello il tuo nuovo blog! Mi sono iscritta così non mi perdo nulla ;)

      Elimina
    2. Grazie Deb, sei stata gentilissima. Ci leggiamo tra i nostri blog allora! Un abbraccio grandissimo

      Elimina