3^ tappa BlogTour “Tutta colpa della mia impazienza” di Virginia Bramati | Il potere curativo dei fiori + estratto

lunedì 6 marzo 2017

TUTTA COLPA DELLA MIA IMPAZIENZA BANNER BLOGTOURBuongiorno, oggi ho il piacere di ospitare la terza tappa del blogtour che vi sta facendo conoscere il nuovo romanzo di Virginia Bramati “Tutta colpa della mia impazienza (e di un fiore appena sbocciato)”. La storia creata dall’autrice è dolce, con una protagonista giovane ma piena di carattere, attimi di suspense e tutta la semplice bellezza dei fiori.

Oggi il mio compito sarà portarvi nel mondo dei fiori e in particolar modo parlarvi del loro potere curativo. Prima però un’occhiata al romanzo.
Tutta colpa della mia impazienza cover
Titolo: Tutta colpa della mia impazienza (e di un fiore appena sbocciato)
Autore: Virginia Bramati
Editore: Giunti
Data di uscita: 8 marzo 2017
Genere: Narrativa
Pagine: 240
Prezzo cartaceo: 14,90€
Prezzo ebook: 5,99€ per il primo mese
Sinossi
«Sono nata con due mesi di anticipo, odio i tempi morti, sono fisicamente allergica ai giochi di pazienza e adoro il tasto fast forward»: Agnese è così, una ragazza esuberante, autonoma, in­sofferente verso il principio dell'«ogni cosa a suo tempo»… Ma improvvisamente, ecco che la vita prende una piega terribilmente dolorosa e la scaraventa dal centro di una metropoli che non dorme mai a una grande casa lungo un fiume, lontana quanto basta per essere immersa nei ritmi lenti e immutabili della campagna. Non solo: quando l'inverno finalmente è alle spalle e tutto sta per sbocciare, si ritrova sola, con un esame importante da preparare e solo il ronzio delle api a farle compagnia. Impulsiva come sempre, Agnese non si arrende e riesce ugualmente a riempirsi le giornate con tutto ciò che non dovrebbe fare… fino a che dalle pagine di un libro non spunta un piccolo dono prezioso: una bustina di semi di Impatiens, la pianta i cui fiori rosa hanno il potere di curare le ferite dell'anima e insegnare l'ascolto e l'armonia. Sullo sfondo di una campagna lombarda sorprendente e rigogliosa, non lontano dal magico borgo di Verate che le sue lettrici hanno imparato ad amare, Virginia Bramati ci regala ancora una volta una protagonista adorabile, piena di vita, alle prese con un mistero da risolvere, un esame da superare e soprattutto con il compito più difficile: scoprire che la felicità è molto più vicina di quanto pensiamo, se solo sappiamo rallentare e guardarla negli occhi.
ESTRATTO
«Ah, ma allora sei un’ impatiens!»
«Come un’ impatiens?» Questo fiore mi perseguita.
La guardo perplessa.
«Sei una persona che fa tutto velocemente? Che pensa e agisce subito?»

IL POTERE CURATIVO DEI FIORI
I fiori curano, lo sapevate? I fiori e le piante hanno straordinari poteri sia sulla salute fisica che mentale di ognuno di noi.

Il loro potere è in ogni parte, già prima di sbocciare quando coltivarli, vederli crescere e fiorire dona fiducia in sé stessi e pazienza per essere stati in grado di crescere un essere vivente, per poi passare alla loro bellezza che dona allegria e positività, sino a ciò che di terapeutico è in loro.

Da molti anni, in tutte le culture piante e fiori sono stati utilizzati in svariati modi per curare malattie fisiche attraverso tisane, estratti, oli, profumi, però non tutti forse sanno che i loro effetti benefici possono allargarsi anche alla cura dell'anima grazie al loro messaggio vibrazionale.

Sto per parlarvi dei fiori di Bach (ma anche Californiani, Australiani, Italiani...). Forse alcuni li conoscono e utilizzano, mentre altri ne hanno solo sentito parlare, io che li ho testati posso affermare che i fiori hanno una potenza non indifferente sui nostri stati emotivi e mentali riuscendo spesso a equilibrarli e indirettamente a guarire anche alcuni sintomi del corpo che scaturiscono proprio dalle somatizzazioni.

Cosa sono esattamente? Semplicemente acqua in cui sono stati immersi petali dei fiori che si vogliono utilizzare esposti al sole per molte ore in modo che la stessa si carichi dell'energia curativa del fiore. Ogni fiore ha una sua proprietà, non solo medicinale ma anche vibrazionale e la si può comprendere da come si comporta la pianta in natura.

Facciamo un paio di esempi pratici.

La timidezza è causata principalmente da una insicurezza di fondo verso cose specifiche come la folla, il parlare in pubblico; in questo caso ecco che arriva Mimulus a darci una mano. Fiore che vive in bilico sui corsi d'acqua appoggiandosi a muri e fiori ci parla della paura di affrontare determinate situazioni e poche gocce al giorno permettono di ritrovare la sicurezza e la forza per non evitare ciò che ci spaventa.


La gelosia può essere devastante, sia per chi la prova che per chi la subisce, ma anche in questo caso arrivano i fiori ad aiutarci. Ad esempio Holly, quando la gelosia è manifestata in modo eccessivo e immotivato. 




Mi fermo, anche perché ci sono anni di studi dietro alla floriterapia (così si chiama questo metodo per curare con i fiori) e ci vorrebbero tantissimi post per parlarne. Però voglio fare un giochino con voi, presentandovi alcuni dei personaggi del romanzo della Bramati attraverso il fiore che secondo me meglio si adatta al loro carattere. Curiosi?


Agnese: per lei è facile individuare il fiore giusto, anche perché è la stessa autrice che ce lo nomina: Impatiens.  Agnese ha sempre fretta, un ritmo tutto suo e non riesce proprio a rallentare per stare dietro a chi la circonda. Ha bisogno di imparare, conoscere e tende a fare le cose da sola pur di non rallentare.




Zia Lori: io la vedo come un Chicory. Lori si prende eccessivamente cura degli altri, lo fa affermando le proprie idee e convinta che siano le sole a valere. Vuole molto bene ad Agnese, ma la corregge continuamente cercando di indirizzarla sulla strada che lei ritiene migliore.






Adelchi: per lui il fiore giusto a mio parere sarebbe Water Violet. Lui non ha bisogno dell'approvazione degli altri, sta bene nel proprio ambiente, è molto intelligente e a volte non si accorge di apparire un po' troppo saccente.  Ciò non toglie che sia anche buono e dall'animo generoso.



Marco: per lui sceglierei Rock Rose. Affidabile, sempre pronto a sorreggere tutti, in grado di donare calma nelle situazioni difficili. Marco sarebbe una medicina straordinaria da avere accanto in ogni momento.  
 


Termino solo con una osservazione: che siano in forma di gocce, tisane o semplicemente nella loro forma naturale basta guardarsi intorno per scoprire quanta meravigliosa vita ci sia nel mondo che ci circonda. Approfittatene e osservate la natura e i fiori con occhi diversi, la vostra anima vi ringrazierà.

TAPPE BLOGTOUR
Ecco qui tutte le tappe per seguirci durante questo tour.

TUTTA COLPA DELLA MIA IMPAZIENZA CALENDARIO BLOGTOUR

Alla prossima,
Deborah



14 commenti:

  1. Questa tappa è bellissima e molto interessante!
    Chi non ama i fiori❤ io ho il giardino di casa pieno.
    Il fiore che sento più vicino a me è l' orchidea in quanto rappresenta eleganza e sensualità.
    Partecipo! Tertartaro@virgilio.it

    RispondiElimina
  2. Ecco Marco mi sarebbe utile durante la giornata per placare la mia ansia :-D e le Rock Rose finiranno dritte dritte sul mio terrazzino ♡ nella speranza che mi siano d'aiuto!

    Non so con esattezza che fiore potrebbe rappresentarmi però adoro i tulipani ♡
    Adoro i loro colori sgargianti, mi danno tanta allegria e mi fanno sorridere. Diciamo che la disposizione dei petali, così chiusa è simile al mio carattere sempre diffidente e molto introverso, ma se una persona riesce a entrarmi nel cuore, io le do la mia anima ♡

    Partecipo al blogtour e al Giveaway ;-)
    Lettori fissi: Rosy Palazzo
    Mail: rosy.palazzo1612@gmail.com
    Facebook: Rosy Palazzo
    Ho piacizzato le pagine richieste e ho condiviso qui:
    https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=838272836324449&id=100004252210765

    Molte grazie per la bellissima opportunità ♡

    RispondiElimina
  3. Premetto che non conosco molto di fiori e del loro significato però leggendo la tappa mi sono accorta che assomiglio moltissimo ad Adelchi quindi il fiore che mi rappresenta è water violet... quando ho letto saccente ho detto subito presente!
    Il fiore che adoro invece è quello che dalle mie parti chiamano "non ti scordar di me" perchè nasce tra le erbacce senza nessun aiuto e spontaneamente quindi lo associo a una grande forza di volontà!
    Partecipo al blogtour come lettore fisso Nicoletta Marasca
    nicolettamarasca88@gmail.com
    Condivisione tappa https://www.facebook.com/nicoletta.marasca/posts/1277406759005945

    RispondiElimina
  4. Bellissima tappa moto interessante e poi amo i fiori. Mia nonna da piccola mi diceva che ero come una Margherita per la sua semplicità, la considerava il fiore dell'amore per il classico gioco m'ama non m'ama. Per lei era anche simbolo di purezza di spirito
    Partecipo al blogtour e ho condiviso su fb lasciando il link sul form

    RispondiElimina
  5. Anche se non credo nell'efficacia dei fiori di Bach, li ho utilizzati per un bel po' e non sono serviti a nulla, credo che al massimo (e non è poco, eh) possano avere un effetto placebo, trovo comunque l'argomento molto affascinante e conservo ancora le varie boccette. 😄 Per quanto riguarda il fiore che sento più vicino, se parliamo di fiori di Bach, al giorno d'oggi non saprei, ma ai tempi in cui iniziai ad utilizzarli ero il tipo Mimulus, infatti fu il primo che utilizzai. Se parliamo di fiori in generale, non so, ma mi piace molto la rosa, è forse il fiore che sento più vicino.
    Compilato il form, lettrice fissa dei blog come Alexandra Scarlatto. Su Facebook sono sempre Alexandra Scarlatto, ecco il link di condivisione di questa tappa:
    https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=426080347733971&id=100009960271401&ref=
    Indirizzo e-mail: hotstorm403@gmail.com

    RispondiElimina
  6. Bellissima tappa,è un argomento molto interessante quello dei fiori e del loro significato. Io amo i fiori e pur non avendo molto spazio verde a disposizione, quando arriva la primavera mi piace circondarmi di fiori colorati che rallegrano l'ambiente e donano felicità. Il fiore che forse sento più vicino è la rosa, a prima vista è ricoperta di spine che devono a difendersi ma per chi la sa prendere rivela la bellezza dei suoi petali vellutata e il suo incantevole profumo..io sono così, spinosa ed ermetica esternamente ma per chi non si ferma all'esterno sa cogliere il mio vero carattere.
    lauradomy@hotmail.it

    RispondiElimina
  7. grazie mille per questa tappa, ammetto che molte cose non le sapevo affatto!
    Il mio fiore preferito è la rosa bianca, così candida e pura. Non so spiegare bene il perchè, ma per me rasenta quasi la perfezione!
    Luigi Dinardo
    luigi8421@yahoo.it

    RispondiElimina
  8. Ammetto di non amare granché i fiori, ma credo di amare le rose. Non so, mi fanno impazzire, per non so quale motivo. Credo sia perché ricordano l'amore e la semplicità. Sono iscritta al blog come Unlibrosullafinestra cara, su Fb sono Asia Pichierri e instagram @illibrosullafinestrablog. La mia mail è unlibrosullafinestra@gmail.com

    RispondiElimina
  9. Bella tappa davvero,io sono pessima con piante e fiori,non ho affatto il pollice verde ma ammetto che già solo a vederli mi mettono di buon umore. Mi piace il fiore associato ad Agnese
    Seguo fb e blog come Michela Martorelli
    Condivisione https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=1240714989378379&id=100003196684014
    mila.mali@hotmail.it

    RispondiElimina
  10. Bella tappa!adoro i fiori e mi sono sempre piaciute le margherite:semplici e senza pretese, ma molto belle.
    GFC/FB: Chicca Tamburrino
    e-mail: pleadi@inwind.it

    RispondiElimina
  11. Bellissima tappa ♡.♡
    Io adoro i fiori, il mio terrazzo ne è piano, mi piace prendermi cura di ognuno di loro...
    Comunque io essendo molto insicura mi ci vorrebbe il Mimulus, farò una ricerca più approfondita su questo fiore, chissà che non riesca ad essere più sicura di me :)
    Associando alcuni fiori ai protagonisti del libro, mi sta aiutando a capire meglio ciò che mi aspetterà leggendo questo libro ♡
    Per quanto riguarda la domanda, il fiore che sento più vicino a me è il Girasole ♡
    Ho sempre amato questo fiore, non so il perchè forse per la bellezza del colore che è uno dei miei preferiti

    Partecipo al BlogTour e al Giveaway :)
    Ti elenco le regole che ho rispettato nel form :)
    Seguo tutti i blog partecipanti al BlogTour con il nome: Elysa Pellino
    La mia email: mora_1993_@hotmail.it
    Seguo la pagina dell'autrice su Facebook sempre con lo stesso nome: Elysa Pellino
    - Ho commentato la tappe precedenti, e commenterò tutte le altre, anzi non vedo l'ora che escano per scoprire nuove curiosità su questo libro :)
    Ho condiviso questa tappa su Facebook taggando la pagina del blog " Leggendo Romance " :)
    LINK CONDIVISIONE: https://www.facebook.com/elysa.pellino/posts/10209450757479625?pnref=story
    - Ho completato il form :)
    Grazie per la partecipazione ♡
    Buona Fortuna a Tutti ♡

    RispondiElimina
  12. Ciao Deborah, grazie per questa bella tappa!! ;-)
    Non so se ho capito bene la domanda, cioè intendi a quale fiore ci sentiamo più vicini tra quelli da te citati...o in generale?
    Se tra quelli da te citati direi che sono a metà tra la Water Violet e la Rock Rose... perché ho un po' le caratteristiche di entrambi i fiori che hai descritto bene...
    Se intendi in generale, allora ti posso dire che mi sento vicina a qualunque fiore che abbia un bel colore acceso, vivace e solare, perché è così che sono: amo i volori vivaci e non sopporto molto le mezze misure, perché penso che ciascuno si debba sempre mostrare per quello che è davvero, sentendosi bene a proprio agio in ogni occasione (certo nel limite della decenza! :P ehehe)...e non fingendo di essere quelli che non siamo!
    Seguo già tutti i blog di questo BlogTour come Lara Milano e la mia e-mail è lamarama86@gmail.com ;-) ♥

    RispondiElimina
  13. Bellissima tappa! Io sono un'amante dei fiori e, anche secondo me, possono avere poteri "curativi" e possono agire anche sull'umore! Io mi sento molto vicina ai tulipani... Ne sono attratta principalmente dai colori sgargianti che mettono allegria e dalla forma, chiusa un po' come il mio carattere riservato... è come se questi fiori si "nascondessero" un po', mostrandosi solo nei colori e non nelle forme... non so, vedere anche solo l'immagine di una distesa di tulipani, suscita in me un senso di pace e completezza.... ne vorrei un giardino pieno!! venera.lowe@gmail.com ^__^

    RispondiElimina
  14. Il fiore che più mi rappresenta... la margherita, semplice e delicata, ma di un colore diverso in mezzo alle altre tutte uguali, perchè è così che mi vedo.
    seguo su fb come Valeria Louise Pendragon
    email cibelevaleria13@gmail.com
    Spero di aver seguito correttamente tutti i passaggi, in ogni caso ringrazio per l'opportunità.

    RispondiElimina