IL MONDO CHE NON VEDI di Laura Rocca - Recensione

mercoledì 26 agosto 2015


La recensione di oggi é dedicata ad un Urban Fantasy Romance che mi ha catapultata in un mondo affascinante in cui sono rimasta imbrigliata, tanto che le 600 pagine sono scivolate via talmente in fretta che ora non vedo l’ora di poter leggere il seguito.
E allora entrate con me nel mondo dei Custodi degli Elementi!


LE CRONISTORIE DEGLI ELEMENTI (FILEminimizer)


Titolo: IL Mondo che non vedi
Autore: Laura Rocca 
Serie: Le cronistorie degli Elementi
Editore: Self Publishing
Genere: Urban Fantasy Romance
Sinossi

Celine, diciottenne timida e schiva, dopo la morte dei suoi genitori adottivi, accetta l’ospitalità del suo migliore amico Matteo diventando in seguito la sua ragazza.

Dopo l’ennesimo evento spiacevole si risveglia in lei una strana energia che la disorienta. Turbata attraversa la laguna di Venezia rifugiandosi nella casa della sua infanzia, ma lì la tristezza l’assale. Il meraviglioso giardino dei suoi ricordi è ormai arido. Piangendo poggia la mano sulla terra spoglia causando qualcosa di inimmaginabile: un’energia sconosciuta fuoriesce dal suo corpo e tutto riprende vita lasciandola incredula e spaventata.

In poche ore la sua esistenza verrà stravolta intrecciandosi a filo doppio a quella di Aidan e dei Custodi degli Elementi, una razza che può usare gli elementi per contrastare Fàs, il malvagio Spirito del Vuoto. Conoscerà un mondo di cui fino a ieri non sapeva nulla e di cui anche lei scoprirà essere parte. Molte domande esigeranno risposta e la strada da percorrere sarà lunga e richiederà a Celine di mettere in gioco se stessa come mai aveva fatto prima.

♣♣♣♣♣♣♣♣♣♣
La mia opinione

Un Urban Fantasy dalla trama articolata e intrigante, sospeso tra due mondi, uno reale e uno fantastico, uno moderno e l’altro che ha il gusto di un  passato affascinante. Colpi di scena, scelte difficili, un percorso di crescita e un amore romantico ed epico che conquista il cuore, sino ad un finale che ti cattura e "grida" al seguito.
"Io non sto fingendo, sto solo cercando di far combaciare le mie due vite” – rispose Celin, rendendosi conto, subito dopo, che  nemmeno lei sapeva cosa intendeva.Aidan la guardò trionfante – “ E questo non si chiama fingere? Non hai due vite, ne hai una sola. La vecchia ha cessato di esistere pochi giorni fa.”
Celine è una ragazza completamente insicura, timida, divisa tra l'amore per i libri e il suo fedele gatto. Sembra che attorno a lei si erga una specie di muro invalicabile da chiunque. Non solo il suo carattere schivo, ma anche quei chili in più e il suo aspetto quasi sciatto, di certo non la aiutano a intrecciare rapporti sociali. Tutto questo la fa sentire come se si trovasse sempre fuori posto, circondata dalla solitudine. Solo Matteo, negli anni dell’infanzia e poi dell’adolescenza, le resta vicino, al di là di tutto, al punto che, quando Celine perde tragicamente i genitori adottivi, sono proprio Matteo e sua madre ad accoglierla nella loro casa. Inizia così una convivenza che lega ancor più i due ragazzi, trasformando quell’affetto e quella vicinanza in un fidanzamento che appare come una conseguenza naturale. 

Matteo si dimostra un ragazzo molto innamorato, protettivo, accogliente nel quale rifugiarsi. Celine sente che di lui si potrà sempre fidare, magari non c'è quel trasporto emotivo di cui ha letto nei romanzi, ma in lui trova comprensione e amore.

Nonostante questo, il senso di solitudine ed inadeguatezza che prova Celine sono  forti e, un giorno, si trasformano in una rabbia capace di abbattere per un attimo quel muro che sembra circondarla, mostrandole una parte di sé di cui ignorava l’esistenza. È durante quel momento che Aidan e Celine si incontrano, e qualcosa attrae immediatamente l’uno verso l’altra. 

Aidan è però molto diverso da Matteo. Sexy, affascinante, irruente, a volte irritante per la sua irriverenza, abituato ad ottenere facilmente ciò che vuole, interessato solo a combattere per i Custodi degli Elementi di cui è membro, fiero (e qui immaginate gli occhi a cuoricino della blogger) Aidan ha un potere straordinario, può piegare al suo volere il fuoco, e mette questa capacità al servizio della lotta contro Fàs, il signore del vuoto che minaccia l’umanità. Ma Aidan  non è solo questo, è un ragazzo che nel cui passato si nasconde un grande dolore che è stato capace di allontanarlo dai sentimenti; anche lui, in un certo senso, ha costruito attorno a sé una barriera, destinata a sgretolarsi con l'arrivo di Celine. Il suo cuore vacilla e il periodo di vicinanza con Celine non fa altro che rafforzare quel sentimento nascente, e far affiorare lati di entrambi che sembravano celati: Celine, così divertente, cocciuta e appassionata; Aidan, romantico, protettivo,altruista e ligio al dovere.

Celine si trova a un bivio: la vita ordinaria a Venezia al sicuro tra le braccia affidabili di Matteo, o il nuovo mondo a cui scopre di appartenere, Gallaibh e l’attrazione dirompente per Aidan?

La protagonista, attraverso un viaggio di scoperta e di crescita, si trova a fare i conti con una nuova sé, affrontare tradimenti inaspettati e ostacoli che sembrano allontanarla inesorabilmente dal suo amore.

Chi sarà il destino di Celine: Aidan o Matteo? E soprattutto, sarà abbastanza forte da ricoprire il ruolo che le spetta e, allo stesso tempo, combattere per ciò che desidera?

L’autrice ha saputo dar vita ad un mondo affascinante e originale, descrivendolo in maniera accurata in ogni minimo dettaglio, senza per questo tralasciare una trama articolata e ben congegnata. 
Non mi dilungo a spiegare chi siano in Custodi degli Elementi, basti sapere che il loro compito è proteggere gli umani dalla minaccia che incombe e che, per farlo, riescono a piegare al loro volere uno degli elementi (aria, acqua, fuoco, terra).
Il romanzo si divide in due parti che sembrano in qualche modo seguire anche le "due vite" di Celine. La prima parte si svolge in una Venezia affascinante e misteriosa, nell’ intima atmosfera notturna che ben si sposa con il suo essere chiusa in sé stessa; la seconda in un tempo che sembra sospeso e lontano,  a Gallaibh, un luogo irreale ma pieno di luce, natura rigogliosa e sfarzosa bellezza, proprio come la nuova Celine, sicura di sé, decisa e capace di essere una guida per gli altri allo stesso tempo giusta e determinata.

Accanto ai tre protagonisti, che ci accompagneranno anche nei libri seguenti, la presenza di altri personaggi crea nuove situazioni, nuovi amori che sanno coinvolgere ed emozionare. Personaggi dai caratteri ben delineati, temerari ma capaci di tenerezza e dolcezza.

Attraverso una scrittura ricca e descrizioni minuziose ed evocative, l’autrice riesce letteralmente a “mostrare” questo mondo agli occhi del lettore. Questa è una caratteristica che, nonostante in altri generi e contesti non apprezzi particolarmente, in un fantasy gradisco, perché mi permette di poter immaginare visivamente ciò che nella realtà non potrei trovare. La terminologia, appositamente studiata dall'autrice per raccontare Gallaibh e i suoi abitanti, denota molta cura per i particolari e immerge il lettore all’ interno del luogo da lei creato. I personaggi sono capaci di suscitare empatia ed emozioni.

Tenendo conto che il lavoro è completamente self, dalla scrittura all'editing, e che è un romanzo d'esordio, ritengo sia un ottimo inizio per una saga affascinante, avventurosa e romantica che mi ha saputo catturarmi.

Complimenti davvero all’ autrice, non vedo l’ora di partire alla scoperta del Regno dell’Acqua...

 
La mia valutazione:    CUORECUORECUORECUORECUORE 


4 commenti:

  1. Grazie Deb per questa attenta e accurata analisi, soprattutto per esserti così addentrata nella descrizione dei personaggi e della loro psicologia.
    Grazie inoltre per aver avuto fiducia nelle mie capacità ed aver letto!

    Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. più che letto direi divorato XD
      Grazie a te!

      Elimina
  2. E gli occhi a cuoricino della lettrice!!! Bellissima recensione <3

    RispondiElimina
  3. E' innegabile che per scrivere così, con altri volumi a seguire, Laura Rocca è nata per scrivere

    RispondiElimina