UN’AMICIZIA CHE DIVENTA SCRITTURA di Missy Sìorai

venerdì 17 luglio 2015


Buon venerdì! Oggi per la rubrica Pensieri d’Autore (QUI i dettagli) il blog ospita ben due scrittrici…avete capito bene, Missy Sìorai infatti è uno pseudonimo che nasconde due amiche prima di tutto, e poi due autrici che hanno deciso di unire le loro forze per realizzare un romanzo.
Curiosi? Ecco qui la loro storia.
Buon pomeriggio a tutte le amiche e gli amici del blog Leggendo Romance e un grazie in particolare va a Deborah per averci offerto questo spazio in cui potersi raccontare e farsi conoscere da un pubblico più ampio.
Il nome con cui ho pubblicato il mio primo romanzo è appunto Missy Sìorai.

Ward Missy nasce in un pomeriggio di agosto, in una caldissima giornata trascorsa al mare e dietro di esso ci sono due amiche. Ci siamo conosciute tramite Facebook avendo in comune una passione sfrenata per una serie di libri scritti da J.R.Ward.

Abbiamo incominciato a confrontarci sulle varie letture, trovando da subito una grande affinità tra di noi. Sono trascorsi oltre 2 anni da allora ed oggi siamo più unite che mai.

Condividiamo molte passioni e la nostra amicizia è andata crescendo anche se ci sono stati alti e bassi che ne hanno rafforzato l'intensità ( sì, perché come in amore, anche in amicizia non puoi ritenere il rapporto saldo se non superi una grossa crisi e ne esci vincitore).

Erano molti anni che entrambe covavamo il desiderio di scrivere un libro ma ancora non avevamo trovato la trama giusta, fino a quando quel pomeriggio una delle due se ne è uscita con la brillante idea di una collaborazione tra di noi.SCRIVERE
Abbiamo iniziato a scrivere le prime pagine quasi per gioco ma ben presto tutto si è trasformato in un progetto importante per entrambe che ci ha dato e ci sta dando tutt'ora molte soddisfazioni.

Missy è l'unione dei nostri nomi (Michela e Silvia), con l'aggiunta di una s che a nostro avviso ha reso più musicale il nome; Sìorai invece è un termine che abbiamo trovato in un libro che ha colpito particolarmente entrambe ma non starò a spiegare il suo significato perché lo potrete ritrovare nelle pagine del nostro libro “Un cuore in stallo”.

Durante la stesura ci sono stati diversi confronti tra di noi ma niente di grosso. Entrambe volevamo dei protagonisti dal carattere forte e determinato che sapessero tener testa l'uno all'altro e il risultato finale ci ha soddisfatto ampiamente. Josephine Simmons è esattamente come la volevamo, un concentrato di entrambe che sa imporsi e restare al passo del Capitano Callhan Meyer ma allo stesso tempo femminile al punto giusto e non immune al suo fascino.

Insomma, scintille e fuochi d'artificio per questa coppia davvero molto calda.

Top Gun La scelta di ambientare il romanzo a San Diego e nella base militare di Miramar è un altro amore che ci accomuna: facciamo entrambe parte di quella generazione che è impazzita per Top Gun e per Tom Cruise.
Un cuore in stallo” è stato pensato come una serie a cui abbiamo dato il nome di “Destini intrecciati” e nelle nostre teste parte della storia è già delineata. Per adesso raccogliamo idee trascrivendo appunti sui nostri inseparabili bloc-notes in modo da partire a settembre con il secondo capitolo.

Missy Sìorai


cover Un cuore in stallo (FILEminimizer) (FILEminimizer)


Missy Sìorai è lo pseudonimo di due scrittrici esordienti. Il termine Sìorai (che tradotto significa sempre) è una parola gaelica e le scrittrici ne sono rimaste colpite durante la lettura di un romanzo. In qualche modo questa terminologia ha affascinato le due donne che hanno deciso di farlo proprio.

Michela Marrucci, vive in Toscana a Cecina in provincia di Livorno insieme al marito e due figlie. La lettura è da sempre una sua passione e non viaggia mai senza un libro o il suo Kobo nella borsa tanto da definirsi una “lettrice compulsiva”. Scrivere è sempre stato un suo sogno ma per timidezza non si è mai messa alla prova fino ad oggi. Grazie alla partecipazione in un gioco di ruolo e la collaborazione su un blog, ha rotto il ghiaccio e si è decisa a lasciarsi travolgere da questa nuova esperienza supportata dalla sua migliore amica e socia Silvia.

Ama il calcio e il football americano e spera di realizzare uno dei suoi tanti sogni, volando fino a Boston e poi Chicago insieme a Silvia.
Silvia Carbone, vive a Torino con il marito, due figli e tre gatti. Da quando ha sette anni studia musica e in particolare suona il pianoforte. Ama leggere ogni forma di romanzo ma predilige i romanzi storici. È un appassionata di arti marziali ed è una ex judoka.
Ha incontrato Michela tre anni fa e da quel momento ha avuto una sorella su cui poter contare. Una sorella non di sangue ma per scelta. Oltre a Boston e Chicago, Silvia desidera portare anche la loro editor Veronica Pigozzo in Wyoming.
Scrivere è stato il sogno di Silvia fin dall'età di quattordici anni e l'incontro con Michela è stato propizio. In una notte d'estate hanno deciso quasi per scherzo di iniziare questo lavoro.

Un cuore in stallo è il loro primo romanzo di una serie intitolata “Destini intrecciati”. (acquista su Amazon)


Ringrazio Silvia e Michela per il loro articolo, ma soprattutto per il loro libro e se non lo avete ancora letto vi invito a dare un’occhiata alla mia recensione e agli approfondimenti in una tappa del blogtour di presentazione da poco concluso QUI.


7 commenti:

  1. Wow che bell'esperienza. Davvero tanti complimenti, non dev'essere facile riuscire a cordinare due teste per scrivere un romanzo! Una bellissima storia di amicizia arricchita dalla coronazione di un sogno. In bocca al lupo per tutto ragazze! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il tuo commento che ci riempie di gioia. Siamo molto contente dei risultati che stiamo ottenendo. Go Sìorai 😘

      Elimina
  2. so per esperienza diretta che non è per niente semplice scrivere qualcosa a quattro mani anche se le idee si uniscono poi metterle in pratica è tutto un altro discorso quindi tanti complimenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Susy é grazie alla nostra affinità che è stato possibile portare a termine questo sogno. Noi ci completiamo a vicenda. Abbiamo cominciato tre anni fa in un gioco di ruolo, come coppia ed anche se gli scontri ci sono stati e ci sono, riusciamo sempre a trovare la giusta soluzione. Non c'è una che domina sull'altra ed è questa la nostra carta vincente. Il più bel complimento che ci hanno fatto è stato proprio il fatto che il libro sembra scritto da un'unica persona che poi era quello che volevamo ottenere. Grazie per il commento :*

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  3. Unire due teste non è mai semplice, la trovo una scelta coraggiosa... Sono sicura che il risultato sia ottimo!!!
    Anch'io nel team Top Gun <3

    RispondiElimina
  4. Mi sono chiesta la stessa cosa delle altre, mettere insieme due teste e lavorare gomito a gomito non è facile, penso che alla base ci voglia una grande amicizia e tanta affinità. Complimenti.

    RispondiElimina