10^ Tappa BlogTour LE CRONISTORIE DEGLI ELEMENTI.IL MONDO CHE NON VEDI di Laura Rocca

mercoledì 8 luglio 2015

BLOGTOUR LE CRONISTORIE DEGLI ELEMENTI

Oggi è il mio turno di presentarvi “Il mondo che non vedi” di Laura Rocca, primo libro della serie "Le Cronistorie degli Elementi". Lasciatemi ringraziare Laura per avermi coinvolta in questa bella staffetta tra blog. Il libro che ci presenta mi intriga molto, rientra perfettamente in un genere che mi è congeniale e la copertina è davvero bella (e questo non guasta!).
Ma veniamo a noi ed esaminiamo  la trama di questo capitolo delle Cronistorie assieme all'autrice.


LE-CRONISTORIE-DEGLI-ELEMENTI-Il-mondo-che-non-vedi-1-718x1024 (FILEminimizer)


Titolo: Il mondo che non vedi
Autore: Laura Rocca
Serie: Le Cronistorie degli Elementi – volume 1/6
Editore: Self Publishing
Genere: Urban Fantasy YA/Paranormal Romance
Pubblicazione: 2015

L’Autrice
Laura Rocca nasce a Genova, quasi 35 anni fa, sul morire dell'estate. Forse è per questo che ama tanto l'autunno e, ogni anno, non vede l'ora che la "bella stagione" si concluda. 
Non finiscono certo qui le caratteristiche che la contraddistinguono dagli altri, anzi. Sin da piccola ha sempre vissuto più nei suoi mondi fantastici che non in quello reale; alle elementari la sua unica e più cara amica condivideva questo modo di essere. Ricorda ancora con divertimento quando, durante le lezioni, immaginavano che, un grosso chiodo bitorzoluto piantato nel muro dell'aula, fosse la porta segreta per il "Paese delle meraviglie" e, unite, progettavano di entrare la notte, dentro la scuola, per riuscire a varcare le soglie di questo mondo fantastico che, altrimenti, durante il giorno non sarebbe stato possibile raggiungere.
Crescendo ha iniziato a tenersi per sé certe fantasie, poco adatte ad un'adolescente, ma sentiva il bisogno di viverle in qualche modo. E' nato così il suo amore per la scrittura. Pomeriggi interi spesi a dipingere, tramite la penna ed un vecchio diario, mondi incantati che solo lei poteva vedere. A 13 anni il suo più grande desiderio era iscriversi al liceo classico, purtroppo le cose sono andate in maniera differente.
Dopo aver seguito i consigli di persone più adulte e più sagge si è iscritta a ragioneria, ed è stato il momento in cui ha deciso, che nella vita, è meglio scegliere per sé stessi e non farsi condizionare. Nonostante il corso di studi non fosse proprio adatto ai suoi desideri si è regolarmente diplomata nel 1999 con la speranza di potersi iscrivere a lettere. Sfortunatamente la vita ha deciso diversamente, ma non per questo ha abbandonato la sua passione per la scrittura, anzi, ha trovato il modo di esaltare le sue doti attraverso un lavoro che non amava particolarmente, quello di commessa presso un negozio di elettrodomestici. Dal 2005 al 2011, infatti, ha curato un blog su Splinder, piattaforma ormai dismessa, dove raccontava le sue vicissitudini lavorative con ironia e il giusto pizzico di sarcasmo.
Da allora ha sempre scritto: poesie, piccoli racconti e fiabe, ma non ha mai avuto il coraggio di mostrarli a nessuno fino a quando, nel settembre 2013, ha deciso che era ora di provare a realizzare l'unico sogno a cui teneva davvero: scrivere e pubblicare un libro fantasy.
Inizia così l'avventura con word e "Le Cronistorie degli Elementi", nel giorno del suo 33esimo compleanno, il 19 di settembre.
La stesura del libro è terminata un anno dopo, ma la parte più difficile doveva ancora iniziare: revisioni, correzioni, la ricerca della persona giusta per la copertina; scoprire che un editing professionale era troppo costoso per le sue tasche e ritrovarsi a dover provvedere allo stesso da sola,  e tanti altri piccoli intoppi e gioie che l'hanno portata fino alla pubblicazione.
Nel gennaio 2015 ha aperto un blog su wordpress dove parla della sua seconda più grande passione: l'epoca vittoriana. Vi sono anche pubblicati romanzi a puntate ambientati nell'Inghilterra del 1800.
Crede fermamente che un sogno vada sempre perseguito, con tutte le forze e tutti i sacrifici che ci vogliono per realizzarlo;  i sogni sono ciò che rende "prezioso" un essere umano, sono il nutrimento dell'anima e della vita ed il motore che ci spinge ad andare avanti.
Nella vita di tutti i giorni fa l'impiegata e collabora con un'associazione a tutela del furetto di cui è anche socia fondatrice.
LA TRAMA

“Non hai due vite Celine, ne hai una sola, la vecchia ha cessato di esistere pochi giorni fa. La vita è un flusso continuo, non puoi arrestarla o dividerla.”

Come avrete notato questa volta accanto alla copertina del libro non trovate la sinossi, bensì la biografia dell’autrice. Perché? E’ presto detto, perché occupandomi dell'approfondimento della trama mi sembrava giusto darle la giusta collocazione. 
Ma iniziamo con la sinossi:
Celine, diciottenne timida e schiva, dopo la morte dei suoi genitori adottivi, accetta l’ospitalità del suo migliore amico Matteo diventando in seguito la sua ragazza.
Dopo l’ennesimo evento spiacevole si risveglia in lei una strana energia che la disorienta. Turbata attraversa la laguna di Venezia rifugiandosi nella casa della sua infanzia, ma lì la tristezza l’assale. Il meraviglioso giardino dei suoi ricordi è ormai arido. Piangendo poggia la mano sulla terra spoglia causando qualcosa di inimmaginabile: un’energia sconosciuta fuoriesce dal suo corpo e tutto riprende vita lasciandola incredula e spaventata.
In poche ore la sua esistenza verrà stravolta intrecciandosi a filo doppio a quella di Aidan e dei Custodi degli Elementi, una razza che può usare gli elementi per contrastare Fàs, il malvagio spirito del vuoto. Conoscerà un mondo di cui fino a ieri non sapeva nulla e di cui anche lei scoprirà essere parte. Molte domande esigono risposta e la strada da percorrere sarà lunga e richiederà a Celine di mettere in gioco sé stessa come mai aveva fatto prima.
Prendiamo in esame gli elementi che ci vengono svelati. Siamo in presenza di poteri particolari, nessun vampiro, licantropo o creature annesse ma “semplicemente” una ragazza normale che improvvisamente si ritrova catapultata in un mondo di cui non poteva nemmeno immaginare l’esistenza e che dovrà adattarsi e accettare una vita diversa da quella che aveva sempre immaginato.
  • Cosa ci dobbiamo aspettare da questo primo capitolo, si tratta di una sorta di introduzione a questo mondo in cui la forza degli Elementi sembra essere di importanza vitale o assisteremo anche a qualche colpo di scena? 
Laura: Vi saranno entrambe le cose. L’introduzione al mondo dei custodi è dovuta ed avrà la sua cura, specialmente dopo la prima metà del libro. Era mio desiderio che il lettore conoscesse questo mondo a parte e vi si perdesse. Non mancheranno però i colpi di scena, vi saranno già le prime rivelazioni e le prime complicazioni.
  •  Celine è una protagonista che viene definita timida e schiva. Questa sua specie di “risveglio” la cambierà totalmente o manterrà le sue caratteristiche? 
Laura: Celine crescerà, dovrà farlo per forza o verrà schiacciata da questo nuovo mondo; vedremo la sua personalità mutare poco per volta, percepiremo il suo passaggio da “ragazza invisibile” a “persona vera”. Ciononostante le sue piccole insicurezze resteranno comunque, quando la vedremo dibattersi tra le possibilità percepiremo ancora la sua ingenuità, anche se con un tenore differente. 
  • Celine è stata adottata, questo probabilmente significa che i suoi poteri sono un’eredità della famiglia di sangue. E’ solo una pedina nel mondo dei Custodi degli Elementi o avrà un ruolo più importante ai fini della storia?
Laura: Ci saranno molteplici colpi di scena inerenti al ruolo di Celine, se ti svelassi di più rovinerei il gusto della lettura. 
  • Dalla trama avrete notato che si parla di due personaggi maschili: Matteo, il ragazzo “normale” e che probabilmente avrà il ruolo della parte concreta e affidabile, e Aidan che la avvicina sempre più alla sua nuova e particolare vita. E’ solo una mia interpretazione o ci dovremo aspettare un triangolo e qualche scossone sentimentale? Ci dobbiamo preparare a “schierarci” e fondare qualche TeamMatteo e TeamAidan? 
Laura: Sarà ancora più complesso di un semplice triangolo. Anzi consiglio a tutti di prestare attenzione al capitolo bonus, quello che viene dopo l’epilogo. Era mio desiderio stupire e incuriosire e spero di avercela fatta, ma questo me lo saprai dire quando avrai letto. Relativamente al “fattore romance” posso svelarti un’altra cosa. Nello svolgersi del libro, parallela a quella principale, sarà presente una seconda romance relativa ad altri personaggi. Ogni libro futuro ci regalerà una romance secondaria. 
  • E ora veniamo alla questione saga. Come ho già avuto modo di dire questo è il primo volume di una serie composta da 6 libri. Io amo le serie, però è anche vero che spesso l’attesa è un periodo difficile da superare e si fa fatica poi a riprendere il filo della trama; io stessa spesso attendo che vengano pubblicati tutti i libri per poter iniziare a leggere. Hai preso in considerazione questo aspetto? Noi lettori dovremo attendere molto per i capitoli successivi? 
Laura: Naturalmente i tempi di stesura ci sono, io “purtroppo” ho anche un lavoro che mi impegna otto ore al giorno. Ovviamente preferirei che il mio lavoro fosse quello della scrittrice a tempo pieno, magari fosse così! Per far stare tranquilli i futuri lettori posso raccontarti che, avendo un progetto così grosso, mi sono già premurata di scrivere i riassunti di tutti i libri futuri e l’epilogo saga. Ho preferito cercare di essere seria sin da principio; la coerenza in una saga è una cosa importantissima, non si può procedere a tentoni. Ho già deciso tutto e stilato riassunti di trame e schemi d’intrighi, manca la stesura definitiva, ma quella ovviamente avverrà libro per libro, in ogni caso sono serena, almeno ho già tutto sotto controllo.

Ringrazio Laura per aver risposto a queste domande, devo dire che questo mondo da lei creato mi affascina e non vedo l’ora di leggere il libro. Ovviamente vi terrò aggiornati! Nel frattempo vi lascio i link delle tappe precedenti per scoprire qualcosa di più al riguardo e vi ricordo l’ultima tappa domani sul blog On Rainy Days dove ne sapremo di più su questi Elementi.

La Saga -  Parliamo di libri 
L’estratto - Devilishlystylish 
I personaggi - Everpop 
La Copertina - Le Recensioni della libraia 
Il Booktrailer - Lettere d’inchiostro 
Approfondimento personaggi - Oltreyume
Anteprima uscita - Leggimi Scrivimi 
L’autrice - Questione di Libri
Gallaibh - La Capitale dei Custodi Salotto dei libri
La trama - Ci siete!

Gli elementi - On Rainy Days 09/07


4 commenti:

  1. Buongiorno Deb, grazie per questo bellissimo e graditissimo spazio dedicato al mio libro, spero che i tuoi lettori potranno conoscerlo e apprezzarlo.

    RispondiElimina
  2. Bella questa tappa, la prima tappa che brucia una delle mie domande per la prossima intervista a Laura, ehehehe, ma non fa niente anzi, in un certo qual modo mi fa piacere e mi tranquillizza che la saga è come dire ... già a posto!
    Laura ho letto le domande e le risposte a Pier e anche lui è sconvolto dal tuo stile e si chiede come stratacavolo dai a lavorare così' bene e in modo organizzato!
    Un bacione da noi due!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per aver letto!
      Per me è l'unico modo di procedere. Sono una persona con una fantasia galoppante, se non lavorassi molto prima facendo: schemi, riassunti e non preparassi tutto nel dettaglio rischierei di perdermi per strada.
      Inoltre, nella stesura di una saga, la coerenza è la cosa più importante in assoluto. E' impossibile procedere strada facendo, rischi di trovarti, dopo, a non saper come fare a uscirne. Ciò che è pubblicato non puoi modificarlo e cambiare la storia, tutto deve essere perfettamente coerente, altrimenti non vale neppure la pena iniziare.
      Indubbiamente ci saranno anche i geni che scrivono strada facendo e non sbagliano un colpo, ma io non voglio avere l'arroganza di provarci, né ritrovarmi in una situazione difficile da sbrogliare dopo.
      Scrivere una saga è prendersi un impegno con i lettori, e un impegno deve essere serio e soprattutto rispettato.

      Elimina