AMIAMOCI, NONOSTANTE TUTTO di Vittorio De Agrò - Recensione Tricolore

giovedì 19 febbraio 2015


Che dire di questo libro, conoscendo lo stile dell'autore mi aspettavo che sarebbe stato qualcosa di particolare e unico, ma devo dire che ha superato le aspettative.
Lo ringrazio per aver ancora riposto fiducia in questo blog e avermi permesso di leggere il suo nuovo lavoro (QUI potete trovare la recensione al suo precedente libro "Essere Melvin").





Titolo: Amiamoci, nonostante tutto
Autore: Vittorio De Agrò
Editore: Self
Formato: Digitale / prossimamente cartaceo
Prezzo: €. 0,99 ebook
Genere:  Romance 










Sinossi
Si dice che l’amore non abbia età ed è proprio così per“Amiamoci,nonostante tutto”.
In un panorama rosa prevalentemente al femminile, ecco emergere storie dal cuore maschile, un cuore che, però, ha sempre bisogno della mano gentile di una donna per trovare la propria strada.
Storie diverse, età differenti, sentimenti ricchi di sfumature e modi d’essere, che nascono nella purezza di un bambino e si completano nella maturità dell’adulto.
Emozioni, commozione, sorrisi; la mente del lettore viaggerà nei ricordi, passeggerà nel presente e magari immaginerà un futuro, sempre all’insegna dell’amore.
Sarà Federico a condurci in questo percorso di gioia e ostacoli.Un giovane uomo, forse ancora immaturo, ma sicuramente diffidente nei confronti delle relazioni durature, che grazie ai racconti di un vecchio e saggio libro, riuscirà ad aprire il suo cuore...
La mia opinione

"Mi sono rinchiuso dentro una torre le cui pareti sembravano dorate e, per evitare di soffrire, ho smesso di vivere. Ma oggi mi chiedo, una vita senza emozioni e passioni che vita è?"

E' il secondo libro che leggo di Vittorio De Agrò e, nonostante il genere letterario sia completamente diverso dal precedente, posso dire che anche in questo romanzo la sua scrittura e il suo stile si riconoscono. E' bravo a narrare storie di vita, lo fa con eleganza e semplicità riuscendo ad accompagnarti durante il racconto.
Che si tratti di autobiografia o romance i suoi testi esplorano l'animo umano, con le sue complessità, i suoi timori, e ti lasciano un messaggio che se colto ti trasmette la sensazione di essere capito, di ritrovare te stesso tra le righe.

Non è solo un romance, ma piuttosto un romanzo che parla dell'amore vero, non quello da romanzo ma quello che si vive tutti giorni; è un percorso di maturazione, di apertura verso questo sentimento per spezzare quelle catene fatte di piccoli egoismi e paure che ci impediscono di lasciarci andare.

L'autore ci racconta una storia, quella di Federico e Gloria, e lo fa attraverso gli occhi del protagonista maschile. Questo giovane uomo che sembra non voler crescere, non voler lasciare quelle certezze che fino ad oggi lo hanno protetto e tenuto lontano dal rischio di soffrire per l'unico sentimento che può stravolgerti nel bene e nel male, e che ora si trova a un punto della sua vita in cui deve fare una scelta.

E allora ecco che provvidenziale arriva un libro, ma non un libro qualsiasi, uno di quelli che ti "insegna la vita", attraverso le cui pagine Federico, e noi con lui, capiremo molte cose sull'amore nelle varie età dell' esistenza umana e forse, anche qualcosa in più di noi stessi.


"La paura è il sentimento più subdolo che ci sia. Ti assale quando meno te lo aspetti, ti blocca, paralizza e non riesci più a pensare."

Anche se narrato dal punto di vista maschile, in realtà sarà facile anche per noi donne riconoscerci nelle trappole mentali che ci fanno credere di bastare a noi stessi, che essere sereni sia la cosa importante, impedendoci di afferrare la felicità di avere qualcuno accanto. E' la paura il vero filo conduttore che lega Federico ai protagonisti di tutte le storie che legge in quel libro: la paura di essere rifiutato,  di non essere all'altezza, del giudizio degli altri, di lasciare la certezza per l'ignoto, di perdere la propria libertà; in definitiva la paura di essere felici.

In ogni racconto si toccano momenti e fasi importanti per la crescita sentimentale di un individuo; l'autore ci mostra quanto siano fondamentali i genitori nella storia di ogni individuo, la loro capacità o meno di esprimere sentimenti e amore, quanto i comportamenti e i muri che costruiamo siano il frutto di ciò che abbiamo vissuto anche attraverso il loro esempio.

Ogni storia che ci verrà raccontata sarà come rivedere un po' di noi stessi, riuscendo a comprendere cose di cui forse vivendole non ci rendiamo conto.


"Ma oggi mi chiedo, una vita senza emozioni e passioni che vita è?"

Non vi parlerò di tutti i racconti  a cui assisteremo, perché voglio lasciarvi con il desiderio di scoprirli da soli. Vi accennerò solo a quello che mi ha colpito di più, che sarà per certi aspetti decisivo nello scuotere la coscienza di Federico, e nel quale ho più riconosciuto la "voce" dell'autore: la storia di Paolo.

Paolo è un uomo rispettoso, abitudinario, un po' all'antica, che preferisce trascorrere una vita di solitudine, piatta e priva di emozioni per non rischiare di perdere la sua quotidianità, la sua libertà. In realtà sopravvive, si trascina nella vita senza avere il coraggio di buttarsi e cogliere la felicità, preferendo nascondersi dietro le sue convinzioni, il suo essere per certi aspetti un "giovane anziano". Anche in  questo caso importante per comprendere il suo comportamento sarà capire come abbia influito su di lui l'esempio venuto dal fallimento del matrimonio dei genitori, il suo rapporto con loro, ma anche quello tra lui e la fidanzata, che doveva essere la donna della sua vita e che ha accettato di perdere spingendola in un certo senso ad allontanarsi, per poi continuare a tenerla legata a sé per quello stesso senso di calore che si prova mantenendo le proprie abitudini.
Poi come spesso accade arriverà l'imprevisto, l'uragano in grado di spazzare via ogni certezza e sicurezza su cui si era adagiato fino a quel momento: Irma.
Irma è giovane , bella , piena di vita, famosa, e soprattutto capace di mettersi in gioco. Sarebbe impossibile pensare a un rapporto tra loro, ma i sentimenti si sa, non seguono una logica.
E allora inaspettatamente questa ragazza riesce a cogliere l'animo dell'uomo e l'amore mischia le carte in tavola.. Ma basterà questo sentimento a scuotere Paolo, a fargli muovere quel passo necessario per afferrare la felicità?

"La strada per la felicità non è una linea retta, ma una via tortuosa in cui il più delle volte si rischia di perdersi"

Alla fine di questo percorso Federico avrà un' unica scelta, quella di capire che la libertà da lui tanto desiderata non era altro che uno scudo dietro cui nascondersi dall'amore e dalle sue conseguenze più dolorose, quando in realtà è proprio questo sentimento a renderci veramente liberi.

Un romanzo che fa riflettere. Un incantevole e delicato viaggio tra le stagioni dell'amore.

La mia valutazione: CUORECUORECUORECUORECUORE 


11 commenti:

  1. Devo leggerlo presto anche io. In realtà lo lessi in anteprima, mentre l'autore lo stava creando, ma voglio leggere la versione definitiva. Però concordo con te su tutto. Nonostante io leggessi la bozza, mi aveva già affascinato e incantato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Incantata è esattamente come mi sono ritrovata a essere anch'io!

      Elimina
  2. Bella recensione, ma ho una domanda che non riguarda il romanzo: come hai messo la barra con il "mi piace"? xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sai quanto ci ho messo a metterla!! Ho intrecciato istruzioni da vari siti e finalmente ho trovato il codice html giusto da inserire nel modello di blogger. Se vuoi provare te lo mando !

      Elimina
    2. Dov'e' il mi piace? Non lo trovo

      Elimina
    3. Lo trovi sotto il post prima dei commenti...solo da pc però ;-)

      Elimina
    4. Mi piacerebbe inserirlo ma sono negata con certe cose >.< è difficile?

      Elimina
    5. dipende, si tratta di modificare il codice HTML nel modello di blogger... Per farti un'idea è una procedura tipo quella che trovi qui http://www.comefareblog.com/2013/05/Come-aggiungere-il-pulsante-MI-PIACE-di-Facebook-nei-post-di-un-blog-su-Blogger.html

      Elimina
  3. Bella recensione Complimenti, ne avevo letta un'altra, ma l'ho trovata impersonale, questa invece ha quello che cercavo.... Le emozioni trasmesse!!!! Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Era la mia intenzione, sono contenta ti sia piaciuta :-D

      Elimina
  4. Gentile Deb
    grazie mille per le belle e gentile parole

    RispondiElimina